Vi direte: ma Emiliano cosa ha mangiato ieri sera? Carbonara con panna? (Se fai la carbonara con la panna esci dal gruppo prima di ieri…). L’articolo di seguito rappresenta una riflessione nata a seguito della seconda lezione di Geobiologia (a cui puoi iscriverti cliccando questo link https://mitakuyeoyasin.it/area-riservata/signup cliccando su BONUS & REGALI ricordandoti di mettere il codice bonus80). Il tema della discussione era: il Canto Gregoriano come elemento di purificazione ambientale.

Ok…mi rendo conto che così è un po’ un casino…

Qualche tempo fa ho scritto un post sulla Radiestesia e l’Eucarestia e ho deciso di sviluppare un concetto uscito nella lezione di ieri sera: ma il Sacramento della Confessione, ha un senso da un punto di vista energetico?

La messa, per come è sempre stata concepita nonostante le decine di Concili, è uno strumento di penitenza: dal momento in cui entri nell’edificio e fino a quando esci, il penitente, perchè di penitente si tratta, non di fede. Ecco perchè sulla soglia della chiesa hai una energia e più ti avvicini all’altare, ecco che la tua energia si alza.

Orbene…

Ci hanno insegnato che per prendere il “Corpo di Cristo” è obbligatorio confessarsi, quindi demandare la tua libertà animica a una persona in qualche modo “attivata” a compiere un certo rituale; a pensarci bene…perchè ci si deve confessare se tu hai già, durante la messa, chiesto il perdono di tutti i tuoi peccati battendoti il petto, dicendo il Credo Nicenocostantinopolitano, l’Ave Maria, il Padre Nostro…perchè? Non sono giù energeticamente purificato? Posso assumere il Corpo di Cristo? Ovviamente si!

Ma perchè questo discorso…

Mi sono sempre chiesto perchè ci sono persone che per prendere l’Ostia, che radiestesicamente è diventata il Corpo di Cristo, porgono le mani al prete nell’atto di accogliere la particola consacrata? Inizialmente lo vedevo un errore energetico, nel senso se non ho la confessione sono sporco e da persona sporca accade che anche un elemento consacrato può non entrare in risonanza con noi. Se parliamo di pulizia, vien da se che seguire la messa col cuore ovviamente ti purifichi energeticamente e, soprattutto, ti mette in risonanza con l’eucarestia, bypassando il Sacramento della confessione che, in questo caso, perde totalmente il senso.

Ripensandoci bene quel gesto, che a me comunque non piace, è un gesto di risonanza e di apertura a ricevere la nuova frequenza vibratoria. Non c’è bisogno di un prete che ti dia il perdono, quando tu stesso già ti sei fatto un’ora di messa, sincera, per “scaricarti” dei tuoi dolori e dei tuoi peccati…

Anche in questo caso la Radiestesia entra prepotentemente perchè la messa, tutta e di qualsiasi tipo (messa ordinaria, Vespri, messa funebre, messa di matrimonio) è un lungo cammino di purificazione interiore, una sorta di VITRIOL alchemico.

E vi dirò….è possibile farci anche le particole consacrate in casa, ma questo evitiamolo…

La messa è finita, andate in pace!